Michael Grätzel
Svizzera/Germania
Premio Balzan 2009 per la scienza dei nuovi materiali
Per i suoi numerosi contributi alla scienza dei nuovi materiali e in particolare per avere inventato e sviluppato un nuovo tipo di cella solare fotovoltaica, la Dye Sensitized Cell (DSC, cella a pigmenti fotosensibili), meglio nota come Cella di Grätzel
Il professor Grätzel è lo scopritore di un’intera nuova classe di celle solari, strumenti che trasformano l’energia solare in elettricità. In una cella di Grätzel quanti di luce solare sono catturati da molecole di coloranti che rilasciano elettroni a una rete di semiconduttori composta da nanoparticelle di ossido. Questo processo genera l’energia per l’elettricità. La cella sensibilizzata dal colorante imita in questo modo il processo naturale utilizzato dalle piante verdi durante la fotosintesi, con il colorante sensibilizzante nel ruolo della clorofilla. Nelle piante, l’energia solare è usata per produrre zuccheri, mentre nella cella di Grätzel è usata per creare elettricità.
A differenza delle celle al silicio normalmente utilizzate, che necessitano silicio estremamente puro e costoso, le celle di Grätzel utilizzano materiali relativamente poco costosi e rappresentano uno degli approcci più promettenti allo sfruttamento dell’energia solare. La cella di Grätzel è un efficiente e stabile convertitore di luce solare in elettricità. Essendo economica da produrre, rivestirà probabilmente un’importanza particolare nel generare elettricità su piccola scala nel mondo in via di sviluppo. Una società in Galles sta già producendo celle su scala commerciale.
I suoi recenti lavori comprendono scoperte pionieristiche sulla produzione solare di idrogeno, che potrebbe rappresentare una rivoluzione nell’uso dell’energia solare, rendendone possibili trasformazione e immagazzinamento sotto forma di carburante molto flessibile.
Il professor Grätzel è un insigne destinatario del Premio Balzan per le sue fondamentali scoperte che hanno inoltre importanti applicazioni pratiche nella produzione di energia sostenibile.
  • stampa stampa
rimani1
informato
via mail
Scrivi la tua mail