Robert O. Keohane
USA
Premio Balzan 2016 per relazioni internazionali: storia e teoria
Per i suoi contributi fondamentali all’approccio istituzionalista nel campo delle relazioni internazionali; per il rigore della sua instancabile ricerca e per la decisiva e persistente influenza del suo magistero.
Robert Owen Keohane è professore emerito di International Affairs all’Università di Princeton. Ha insegnato alle Università di Stanford, Brandeis, Harvard e Duke. È stato – inter alia – presidente dell’American Political Science Association e della International Studies Association. Ha ricevuto un gran numero di premi e onorificenze. È autore di molti libri, fra cui il fondamentale saggio After Hegemony: Cooperation and Discord in the World Political Economy (1984), in cui ha definito la teoria dei regimi internazionali che coincidono con insiemi di principi, norme, istituzioni e procedure di decisione. Mettendo a fuoco la rilevanza, nel campo delle relazioni internazionali, dell’ambito dell’economia politica mondiale, ha sostenuto le ragioni dell’insorgenza della cooperazione fra stati nell’ arena internazionale e, soprattutto, in contrasto con l’approccio neo-realista, della possibile persistenza nel tempo dei regimi, indipendentemente dalla loro genesi imputabile alla stabilità egemonica. In tal modo Robert Keohane ha formulato il paradigma istituzionalista neo-liberale. Il libro è stato classificato dalla Princeton University Press come uno dei migliori 100 libri pubblicati nel suo primo secolo (lo stesso vale per il volume, Designing Social Inquiry, pubblicato da Keohane con Gary King e Sydney Verba nel 1994). Robert Keohane ha riconosciuto nella nuova prefazione del 2005 al suo After Hegemony i radicali cambiamenti che hanno caratterizzato il sistema internazionale dopo la fine della Guerra fredda, esplicitando l’esigenza di mettere a fuoco i nuovi grandi temi per la ricerca nel campo delle relazioni internazionali e favorendo lo sviluppo di un approccio teorico pluralistico alle nuove sfide per la teoria del sistema politico internazionale. Così, ha dedicato ai processi di globalizzazione l’importante raccolta di saggi, Power and Governance in a Partially Globalized World (2002). Nel 2011 ha pubblicato “The Regime Complex for Climate Change”, con David Victor. I suoi libri e i suoi numerosissimi saggi e articoli sono tradotti in molte lingue. La sua influenza e il suo magistero nell’ambito delle ricerche sulle relazioni internazionali sono esemplari, persistenti, decisivi e duraturi nel tempo.
  • stampa stampa
rimani1
informato
via mail
Scrivi la tua mail