I VINCITORI DEI PREMI BALZAN 2010 (settembre 2010)

Sono stati annunciati oggi i nomi dei vincitori dei Premi Balzan 2010:

Carlo Ginzburg (Italia), Scuola Normale Superiore di Pisa, Accademia Nazionale dei Lincei, per la storia europea (1400-1700)
Manfred Brauneck (Germania),
Università di Amburgo, per la storia del teatro in tutte le sue forme espressive
Shinya Yamanaka (Giappone/USA),
Center for iPS Cell Research and Application (CiRA), Kyoto University, The J. David Gladstone Institutes, San Francisco, per la biologia e potenziali applicazioni delle cellule staminali
Jacob Palis (Brasile),
Instituto de Matemática Pura e Aplicada (IMPA), Rio de Janeiro, per la matematica (pura o applicata).

I Premi Balzan 2010 sono stati annunciati a Milano dal presidente del Comitato generale Premi della Fondazione Balzan, Salvatore Veca, con il presidente della Fondazione Balzan “Premio”, ambasciatore Bruno Bottai, nella Sala Buzzati della Fondazione Corriere della Sera.
I profili dei vincitori e le motivazioni dei premi (che saranno consegnati a Roma il 19 novembre prossimo dal Presidente della Repubblica) sono stati illustrati da quattro prestigiosi esponenti del Comitato generale Premi.

Quentin Skinner ha così motivato l’assegnazione del Premio per la storia europea (1400-1700) a Carlo Ginzburg: “Per le sue doti eccezionali di immaginazione, rigore scientifico e talento letterario con cui ha recuperato e gettato nuova luce sulle credenze popolari nell’Europa del XV e XVI secolo”.

Gottfried Scholz ha così motivato l’assegnazione del Premio per la storia del teatro in tutte le sue forme espressive a Manfred Brauneck: “Per la sua ampia ricostruzione di due millenni e mezzo di storia del teatro europeo, nonché per le sue ricerche sulle diverse attività teatrali considerate in un contesto internazionale”.

Nicole Le Douarin ha così motivato l’assegnazione del Premio per la biologia e le potenziali applicazioni delle cellule staminali, a Shinya Yamanaka: “Per la sua scoperta di un metodo che permette di trasformare le cellule adulte già differenziate in cellule che presentano le caratteristiche delle staminali embrionali.”

Etienne Ghys  ha così motivato l’assegnazione del Premio per la matematica (pura o applicata) a Jacob Palis: “Per i suoi contributi fondamentali alla teoria matematica dei sistemi dinamici”.

Il presidente del Comitato generale Premi, Salvatore Veca, ha poi annunciato le materie premiate del prossimo anno, 2011:
Storia antica (Mondo greco-romano),
Studi sull’Illuminismo,
Biologia teorica e bioinformatica,
L’universo primordiale (dal tempo di Planck alle prime galassie)

Nel 2011 i Premi Balzan avranno un valore di 750.000 franchi svizzeri (euro 577 mila circa) per ciascuno dei quattro premi.
Le materie variano ogni anno, e spesso riguardano ambiti specifici o interdisciplinari, così da privilegiare filoni di studio e ricerca innovativi, che superano i confini della materie tradizionali sia nella sfera umanistica (lettere, scienze morali e arti) che in quella scientifica (scienze fisiche, matematiche, naturali e la medicina). La metà di ciascun premio dovrà finanziare, su indicazione del premiato, progetti di ricerca svolti da giovani studiosi e ricercatori.

RIMANI INFORMATO
VIA MAIL
Vuoi ricevere tutti gli
aggiornamenti sulla
Fondazione Internazionale Premio Balzan?
invia