Italie

Maurizio Calvesi

Balzan 2008 pour les arts figuratifs depuis 1700

Pour ses travaux fondamentaux dans le domaine de l’histoire de l’art figuratif moderne et contemporain, qui ont contribué à une meilleure compréhension de la nature et du développement du modernisme et qui ont encouragé l’étude de l’origine des nouvelles tendances de l’art contemporain.

Maurizio Calvesi (*1927 – †2020), uno dei più autorevoli storici dell’arte moderna in Italia, è nato a Roma nel 1927 e si è laureato in Lettere e filosofia nel 1949, presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Studioso dall’ampio indirizzo storico, con particolare interesse per il ventesimo secolo, ha iniziato con l’arte della prima Europa moderna ma è rapidamente passato all’arte del diciannovesimo secolo e a quella contemporanea. Come storico, è famoso per gli studi su Il sogno di Polifilo di Francesco Colonna, a cui sono dedicati i suoi libri del 1980 e del 1996.

Nel corso della sua brillante carriera è stato curatore di musei e docente di storia e critica d’arte. Dopo avere ricoperto la posizione di sovrintendente delle Gallerie di Bologna e dell’Emilia occidentale, nonché quella di direttore della Pinacoteca di Ferrara, è passato a Roma, alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea.

È stato professore universitario in diverse città italiane e quindi titolare della cattedra di Storia dell’arte moderna presso l’Università di Roma “La Sapienza”, fino al 2002, dove ha diretto per molti anni il Museo-laboratorio per l’arte contemporanea. Vicepresidente e poi presidente del Comitato per i beni artistici e storici nell’ambito del Consiglio nazionale per i beni culturali, è rinomato critico d’arte, nonché direttore di riviste accademiche.

Il lavoro di maggior rilievo di Maurizio Calvesi è rappresentato dagli studi sulla storia dell’arte del ventesimo secolo. Nel 1985 ha pubblicato Storia dell’arte contemporanea, di cui è coautore, testo in cui si analizzano le tendenze dell’arte europea e italiana dal 1960 fino agli anni Ottanta. Particolarmente significativa è stata l’edizione di capitoli fondamentali dell’importantissimo Novecento. Arte e Storia in Italia (2000), un catalogo che non solo documenta le opere ma pone le basi per la ricerca sulla formazione della tarda arte moderna e dell’arte contemporanea in Italia.

Le due avanguardie. Dal Futurismo alla Pop Art (1966), ripubblicato più volte fino al 2001, è considerata la più importante antologia di teoria dell’arte per i movimenti futuristi, dalle origini fino al cosiddetto secondo futurismo dell’arte contemporanea. Maurizio Calvesi ha anche contribuito ampiamente allo studio dell’arte metafisica, del dadaismo e del surrealismo. Il suo saggio Storia della seduzione (1999), inteso a rilevare le origini dell’arte contemporanea fin dall’età dell’Illuminismo, ha dato luogo alla mostra Da Boucher a Warhol.Maurizio Calvesi, studioso fecondo e figura fondamentale nello sviluppo dell’arte contemporanea, può essere definito il decano degli studi nel campo dell’arte moderna e dell’arte contemporanea nell’Italia attuale.

Vous voulez vous inscrire ou inscrire un ami à la newsletter de la Fondation Balzan?

Prénom
Nom
Email
Je, soussigné(e), déclare avoir lu et compris la notice d'information conformément au Règlement UE 2016/679 notamment en ce qui concerne mes droits et donne mon consentement au traitement de mes données personnelles de la manière et aux fins indiquées dans la notice d'information.
Fondazione Internazionale Premio Balzan