Acceptance Speech – Berne, 17.11.1989 (Italian)

France/Lithuania

Emmanuel Lévinas

1989 Balzan Prize for Philosophy

For his original contribution to contemporary thought, which reverses the traditional relationship between ethics and metaphysics. Ethics is seen not as a theoretical construction, but as an immediate experience of contact with the “other”, which reveals extraneousness and at the same time the transcendency of God.

Balzan Prize Awards Ceremony 1989
Berne, Rathaus, 17 November 1989

Signor Presidente,
Eccellenza,
Signor Presidente e Signori membri della Fondazione Balzan,
Signore e Signori:

che un discorso filosofico – che non promette, come tale, né novità tecnologiche, quali le scienze, anche più formali, lascerebbero intravedere, né le gioie della letteratura con le sue immagini suggestive – ; che un discorso puramente filosofico abbia attirato l’attenzione e il riconoscimento di una giuria fedele a quelle ultime, generose volontà che, come dicono gli Statuti della Fondazione, si propongono come “sorgenti di pace e di fraternità tra i popoli”; questo, per l’autore di un tal discorso, rappresenta una sorpresa e un onore insigne.
Ho, dunque, il piacevole dovere di esprimere la mia gratitudine alla nobile Fondazione Internazionale Balzan.

Un dovere di gratitudine, che son ancor più felice di esprimere perché l’onore insigne, che mi si fa, riguarda, al di là della mia persona, i grandi filosofi del mio Paese che mi aprirono al pensiero europeo: da Cartesio a Bergson, uniti a Socrate e ai suoi seguaci, fino a Husserl e alla sua scuola fenomenologica. Essi richiamano l’essere all’ordine della Ragione e, con ciò, la nostra Europa alla sua vocazione universale, che è la pace. Il dovere di gratitudine, che sento, riguarda anche le elevate tradizioni spirituali trasmessemi dalla mia famiglia, secondo le quali la pace fra gli uomini va cercata nel versetto biblico come allusione all’avvenimento finale e conclusione di ogni ragionamento.

All’omaggio che rendo alla Fondazione Balzan, celebrata nel ricordo di questi nomi eminenti e di queste alte tradizioni, desidero unire l’espressione della fiducia che conservo nell’umanità, nonostante tutti i suoi fallimenti e le sue cadute. Questa mia fiducia non è motivata dalle strutture dell’essere, nè, d’altro canto, si basa su una speranza ingenua o su una supposizione gratuita. L’essere, infatti, non ha che il suo stesso essere. Essere è perseverare ad essere, è conatus essendi, “tenerci” ad essere. E la durezza del solido, della cosa confinata atomicamente nel suo spazio, nella sua materialità precisamente; oppure è lotta per l’esistenza, tipica del vivente. Solo l’uomo se ne distacca. E può accettare di morire per l’altro. In un consenso al sacrificio: lacerazione dell’essere. Etica o Santità, contro ontologia scortese, che non conosce il «dopo di Lei, Signore!».

Insert your email address here to sign up for our newsletter with all the latest updates on the International Balzan Prize Foundation .

First name
Last name
Email
By subscribing, I confirm that I have read and understand the General Terms and Conditions of EU Regulation 2016/679, in particular with regard to my rights, and hereby consent to the processing of my personal in the manner and for the purposes indicated therein.
Fondazione Internazionale Premio Balzan