Discorso di ringraziamento – Roma, 18.11.1992

Gambia

Ebrahim M. Samba

Premio Balzan 1992 per la medicina preventiva

Per il suo ruolo di guida nella lotta contro l’oncocercosi (cecità dei fiumi) nell’Africa Occidentale. In seno all’Organizzazione Mondiale della Sanità ha diretto il Programma di Controllo per l’Oncocercosi, grazie al quale si sono potuti proteggere dalla malattia centinaia di migliaia di esseri umani, prevenendo il pericolo della cecità. Il successo del programma ha permesso la ripopolazione di larghe e fertili regioni e ha perciò avuto importanti conseguenze sociali ed economiche per i paesi partecipanti.

Signor Presidente della Repubblica italiana,
Membri della Fondazione Balzan,
Signore e Signori,

il 17 settembre 1992 ad un convegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a Ginevra un amico mi mostrò l’ “International Herald Tribune” che riportava l’ annuncio da parte della Fondazione Balzan dei vincitori dei suoi Premi 1992. Tra questi figurava Ebrahim Samba del Gambia. Sono io, ma perché io ? Tra i Premi Balzan figurano la Fondazione Nobel, Madre Teresa di Calcutta, Paul Hindemith. Questi sono giganti, esseri soprannaturali. Vorrei essere come loro, ma non lo sono assolutamente ancora .
Più tardi nella giornata mi sono convinto che il premio è stato assegnato al Programma che portiamo avanti e non a me personalmente .
Il Programma di Cecità dei Fiumi è un’ impresa internazionale richiesta dagli undici governi africani e appoggiata dalle 4 Organizzazioni delle Nazioni Unite e dalla comunità sovvenzionatrice. Questo è il più grande programma di sanità attuato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Il programma iniziò nel 1974 con l’obiettivo di eliminare la cecità dei Fiumi come problema di Sanità Pubblica e di Sviluppo Economico. Questa malattia colpisce le persone all’inizio della loro vita lavorativa rendendole deboli, cagionevoli e alla fine cieche. In alcuni villaggi dell’ Africa occidentale, il 90% della popolazione è stata contagiata e la metà degli adulti è cieca . Poiché il portatore nasce nei Fiumi, la gente deve forzatamente lasciar e queste zone fertili e stabilirsi nelle regioni montuose dove la terra non è adatta per l’agricoltura.
Oggi, dopo molti anni di difficoltà operative, il bilancio è divenuto piuttosto positivo.
Trenta milioni di persone che vivono nell’area del programma non corrono più il rischio di contrarre la malattia. Questo dato include oltre nove milioni di bambini nati dall’inizio del programma.
Più di 200.000 casi di cecità sono stati oggetto di prevenzione.
500 africani hanno ricevuto l’ istruzione in qualche disciplina medica.
Più del 98% del personale del programma è africano.
25 milioni di ettari di bacini fluviali fertili sono stati decontaminati dalla malattia e la popolazione vi si sta nuovamente reinsediando . La produzione agricola sta aumentando.
La conoscenza acquisita nell’Africa occidentale è ora usata per favorire il controllo di questa terribile malattia in altre parti del mondo.
Abbiamo dimostrato che anche in Africa può aver successo una avventura grande e scientificamente complessa .
I governi africani forniscono denaro liquido e forze naturali, la Banca Mondiale organizza la maggior parte del finanziamento da parte della comunità sovvenzionatrice e l’ Organizzazione Mondiale della Sanità esegue il programma.
L’ Organizzazione Mondiale della Sanità con l’aiuto della comunità anzidetta sta ora aiutando i governi africani a far sì che l’oncocercosi, cecità dei fiumi, non sia più un problema di Sanità Pubblica e di Sviluppo in nessuna parte del mondo.
In conclusione, da parte di tutte le persone coinvolte nel Programma di Controllo dell’Oncocercosi, vorrei ringraziare molto sinceramente la Fondazione Balzan.

Iscriviti per ricevere tutti gli aggiornamenti sulla Fondazione Internazionale Premio Balzan.

Nome
Cognome
Email
Io sottoscritto dichiaro di aver letto e ben compreso l’informativa ai sensi del Regolamento UE 2016/679 in particolare riguardo ai diritti da me riconosciuti e presto il mio consenso al trattamento dei miei dati personali con le modalità e per le finalità indicate nella informativa stessa.
Fondazione Internazionale Premio Balzan