John Maynard Smith
Regno Unito
Premio Balzan 1991 per la genetica e l'evoluzione
Per la sua profonda analisi della teoria dell’evoluzione e del ruolo della riproduzione sessuale quale fattore critico per l’evoluzione e per la sopravvivenza delle specie, e per i suoi modelli matematici che hanno applicato la teoria dei giochi ai problemi dell’evoluzione.

John Maynard Smith (*1920 - †2004) cominciò il suo lavoro nel campo della genetica, ed in particolare sulla relazione tra la genetica e l’evoluzione, sotto la guida di J.B.S. Haldane, a Londra, nel 1950.

Nel 1958 pubblicò un libro di alta divulgazione (La Teoria della Evoluzione, Penguin Books). In esso, mentre trattava i punti essenziali della genetica Mendeliana, egli ha discusso i problemi più ampi , quali la struttura genetica delle popolazioni e l’origine dei gruppi animali fondamentali.

Dopo le sue ricerche genetiche sulla Drosophila subobscura, Maynard Smith si dedicò essenzialmente alla teoria dei fenomeni legati alla riproduzione per via sessuale. Egli considerò, per esempio, i vantaggi della bisessualità in confronto alla partenogenesi. Queste strategie contribuiscono al mantenimento di certi genotipi in una popolazione costituita da una singola specie o razza. Questi aspetti teorici, sviluppati in molte originali note scientifiche, vennero discussi nel libro L’Evoluzione del Sesso (Cambridge University Press) nel 1978. Quest’opera rappresenta una sintesi straordinaria ed efficace.

L’interesse di Maynard Smith sui problemi dell’evoluzione l’ha portato nel 1982 a pubblicare un libro intitolato L’Evoluzione Oggi, che contiene un’ analisi critica di estremo interesse sulla teoria dell’evoluzione e i suoi meccanismi un secolo dopo Darwin. Maynard Smith ha portato importanti contributi allo sviluppo di modelli matematici utili alla biologia e ha dimostrato l’efficacia dell’uso della teoria dei giochi nei problemi dell’evoluzione.

Quando ha partecipato a problemi difficili e controversi, Maynard Smith ha sempre espresso opinioni meditate ed equilibrate. Egli ha un grande ascendente sui suoi colleghi e sugli studenti, ed ha continuamente ispirato la loro attività scientifica in varie parti del mondo.
  • stampa stampa
rimani1
informato
via mail
Scrivi la tua mail